Mer. Ago 5th, 2020

CONDOMINIO-ONLINE

Blog di condominio

Le novità fiscali del condominio con l’emergenza COVID

3 min read

Con l’emergenza COVID-19 sono state prese alcune misure che coinvolgono anche gli adempimenti fiscali del condominio.

CERTIFICAZIONI UNICHE
Il Dl 23/2020 ha prorogato al 30 APRILE 2020 per la sola trasmissione delle certificazioni uniche i termini per la trasmissione delle certificazioni uniche. Il DL 9/2020 aveva prorogato per i redditi dichiarabili tramite la dichiarazione precompilata – e delle comunicazioni dati relativi alle spese sostenute dal condominio per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica alla data del 31 marzo.

Proroga versamenti
Non si applica nei confronti del condominio, in quanto la proroga prevista prima dal DL18/2020 e successivamente dal DL 23/2020 si applica solo agli esercenti attività di impresa.

Premio 100 euro

Anche ai lavoratori dipendenti del condominio spetta in automatico un premio pari a 100,00 euro per il mese di marzo 2020 da rapportare al numero di giorni di lavoro effettuati nel mese presso la sede di lavoro. Il premio viene recuperato dal sostituto d’imposta tramite l’istituto di cui all’articolo 17 del Dlgs 9 luglio 1997, numero 241 con codice tributo 1699 come indicato dalla Risoluzione numero 17/E del 31 marzo 2020.

Ritenute d’acconto per compensi da lavoro autonomo
Restano esclusi i condomìni dalla sospensione dall’operare e versare le ritenute d’acconto nei riguardi dei percettori di compensi da lavoro autonomo pagati nei mesi di aprile e di maggio 2020 così come previsto dall’articolo 18 del Dl 23/2020. Pertanto, gli amministratori di condominio dovranno adempiere alle scadenze previste sempre che, il percettore delle somme, a norma dell’articolo 19 del Dl, non trasmetterà all’amministratore di condominio apposita dichiarazione nella quale richieda il non operare e versare la ritenuta d’acconto comsiderando la disposizione di legge transitoria. Sarà poi, lo stesso sostituito, ad adempiere all’autoliquidazione delle ritenute che non si è visto operare entro il successivo 31 luglio 2020 o mediante rateizzazione in massimo 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal prossimo mese di luglio, senza l’applicazione di sanzioni ed interessi.

Condividi sui social

dal 1996 dottore commercialista e revisore legale dei conti.

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti